Funzionari della Corea del Sud hanno in programma di vietare tutti gli scambi di criptovalute nazionali

I funzionari sudcoreani hanno annunciato oggi che stanno preparando una legge che vieterà completamente il commercio di criptovalute interne.

In risposta alle notizie, il prezzo del bitcoin in Corea del Sud è sceso di $2000 questa mattina.

“Ci sono grandi preoccupazioni riguardo alle valute virtuali”, ha spiegato il ministro della giustizia Park Sang-ki, in una conferenza stampa alla quale Reuters ha partecipato. La mossa arriva dopo che i prezzi di bitcoin, Ethereum e altre principali valute digitali hanno avuto un prezzo più alto negli scambi della Corea del Sud rispetto al resto del mondo.

La dura presa di posizione della Corea del Sud sulla criptovaluta non è nuova. Lo scorso settembre, la Corea del Sud ha vietato l’offerta iniziale di monete e, a Dicembre, il governo ha proposto una legislazione che limitasse il modo in cui le banche tradizionali interagirebbero con la criptovaluta. Nella sua dichiarazione di Dicembre, il governo ha accennato all’idea di un divieto assoluto degli scambi di criptovaluta. A quel tempo, la Cina era l’unico paese ad aver vietato gli scambi di valuta digitale, ed è stato solo con il firewall cinese pesantemente monitorato che è stato in grado di farlo.

È anche uno sforzo su più fronti per sorvegliare la criptovaluta in Corea del Sud: pochi giorni prima, la polizia e le agenzie di riscossione delle imposte hanno fatto irruzione nei più grandi scambi di valuta digitale del paese sulla base della presunta evasione fiscale.

Il divieto potrebbe non avvenire immediatamente, se non del tutto. Poche ore dopo l’annuncio da parte dei funzionari di un divieto previsto, l’ufficio presidenziale sudcoreano ha chiarito in seguito che il divieto non era ancora stato finalizzato. Se viene redatto un progetto di legge, sarà comunque necessario il voto a maggioranza dei 297 membri dell’Assemblea nazionale, che potrebbe richiedere mesi o anche più tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*