Il falsario cinese di Apple si dichiara colpevole di aver venduto iPhone e iPad finti negli Stati Uniti

Jianhua “Jeff” Li, un cittadino cinese di 43 anni che viveva negli Stati Uniti con un visto per studenti, si è dichiarato colpevole oggi di aver preso parte a un’operazione di contraffazione dalla Cina che ha coinvolto la vendita di iPhone e iPad contraffatti a clienti negli Stati Uniti . Il caso, diretto su Homeland Security e perseguito dal Dipartimento di Giustizia, è in corso dal 2015, quando Li è stato accusato e preso in custodia.

Per cinque anni a partire dal 2009, Li – al fianco di cospiratori Andreina Becerra, Roberto Volpe, Rosario LaMarca – ha aiutato a portare negli Stati Uniti oltre 40.000 prodotti e accessori dalla Cina, inclusi iPhone e iPad, oltre a packaging, etichette e altri documenti contenenti falsi della Apple. L’operazione è stata di grandi dimensioni, con Li che ha ricevuto personalmente $ 1,1 milioni di ricavi da clienti statunitensi che pensavano di acquistare prodotti Apple originali.

Non è chiaro quanto lo stesso Li, la sua famiglia in Cina o i suoi partner nello schema abbiano tratto dall’operazione di contraffazione. Non è nemmeno chiaro quanto grande fosse l’operazione al suo apice o se avesse legami con operazioni di produzione contraffatte su larga scala in Cina, dove i prodotti Apple sono molto richiesti e dove impianti di produzione elettronica sofisticati producono spesso prodotti contraffatti. I conti per lo schema di Li sono stati tenuti in Florida e nel New Jersey, dove i proventi sono stati dapprima depositati prima di essere trasferiti in Italia e poi in altre fonti in tutto il mondo per mascherarne l’origine, secondo il Dipartimento di Giustizia.

Li è stato accusato e dichiarato colpevole di un conteggio di cospirazione per il traffico di merci contraffatte e di etichette e di contrabbando di merci negli Stati Uniti, nonché di un conteggio del traffico di merci contraffatte. La sua condanna è fissata per il 30 maggio. LaMarca, un altro membro della cospirazione, è stato il primo a essere condannato l’anno scorso a luglio, ricevendo una pena detentiva di 37 mesi. Sia Becerra che Volpe, gli altri cospiratori di Li, sono ancora in attesa di condanna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*