La Cina batte gli USA nell’elenco dei supercomputer più veloci

La Cina ha ancora una volta prevalso nell’elenco biennale dei più veloci supercomputer mondiali.

Il paese non solo ha conquistato le prime due piazze per sistemi di supercomputer più veloci, ma ha anche battuto gli Stati Uniti nel numero complessivo di sistemi classificati.

Il rapporto Top500 delle più veloci super macchine del mondo vede la Sunway TaihuLight della Cina mantenere il comando della lista per la quarta volta; vantando una performance di 93.01 petaflops.

La Cina Tianhe-2, nota anche come Via Lattea-2, rimane al secondo posto con tre volte meno le prestazioni a 33,86 petaflops.

Tianhe-2 è stato incoronato il sistema più veloce per tre anni fino a quando è stato sostituito da TaihuLight nel novembre del 2015.

Dopo i predetti sistemi, la piazza numero 3 è  stata conquistata dal Piz Daint, un supercomputer allocato in Svizzera, che ha il riconoscimento di essere il supercomputer più potente in Europa.

Una new entry in classifica riguarda il Giappone con “Gyoukou”, che prende il quarto posto, spostando così Titan, il sistema più alto dell’America, in quinta posizione.

La 50a edizione di Top500 rivela anche che la Cina ha superato gli Stati Uniti nel numero totale di sistemi classificati da 202 a 144. Solo sei mesi fa, gli Stati Uniti erano in vantaggio con 169 sistemi a 160 della Cina.

Entrambe le nazioni sono molto più avanti rispetto alle altre.

Il Giappone si assicura la terza piazza con un totale di 35 sistemi in top 500, mentre la Germania ne ha 20, seguita da Francia con 18 e il Regno Unito con 15.

Per quanto riguarda le performance, Top500 ha segnalato che: “Per la prima volta, ciascuno dei primi 10 supercomputer ha fornito più di 10 petaflops su HPL. Ci sono anche 181 sistemi con prestazioni superiori a un petaflop da 138 a partire dall’elenco di giugno 2017. Guardando le performance con un raggio più ampio, le prestazioni combinate di tutti i 500 sistemi sono cresciute a 845 petaflops, rispetto a 749 petaflops sei mesi fa e 672 petaflops un anno fa “.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*