Plattsburgh è diventata la prima città negli Stati Uniti a vietare l’estrazione di criptovalute

Plattsburgh, New York, è diventata la prima città negli Stati Uniti a vietare l’estrazione di criptovalute in città per i prossimi 18 mesi.

Il consiglio comunale ha votato all’unanimità per imporre il divieto in una riunione del consiglio la scorsa notte, e l’ufficio del sindaco afferma che lo scopo della legge è quello di considerare “i regolamenti prima che le operazioni commerciali di criptovaluta mineraria portino cambiamenti irreversibili al carattere e alla direzione della città. ”

Il sindaco di Plattsburgh, Colin Read, ha detto che la città ha le tariffe più economiche di energia elettrica del mondo. I residenti pagano circa 4,5 centesimi per kilowattora, contro i 10 centesimi che il resto del paese paga in media. Plattsburgh ha anche un incentivo per le imprese industriali, che pagano solo 2 centesimi per kilowattora. Ciò ha portato i minatori delle criptovalute a utilizzare la città come base per le loro operazioni perché i loro profitti si basano su energia elettrica a basso costo e l’estrazione mineraria richiede una quantità astronomica di energia.  Coinmint, ad esempio, gestisce la più grande operazione di estrazione di Bitcoin a Plattsburgh, e ha utilizzato circa il 10% del budget totale della città in gennaio e febbraio.

Il sindaco Read ha proposto la moratoria dopo che i residenti si sono lamentati del balzo delle loro bollette energetiche all’inizio di questo mese. “Ho sentito molte lamentele sul fatto che le bollette elettriche sono aumentate di $ 100 o $ 200”, ha detto Read Motherboard. “Si può capire perché la gente sia sconvolta.”

Plattsburgh ha una dotazione di 104 megawattora di elettricità al mese. Quando si è conclusa questa ripartizione a Gennaio, la città ha dovuto acquistare energia elettrica più costosa dal mercato aperto portando ad aumenti dei prezzi. L’ufficio del sindaco afferma che la nuova legge è anche quella di proteggere le risorse naturali, storiche, culturali ed elettriche di Plattsburgh, nonché la salute e il benessere dei suoi residenti.

In termini più semplici, il mining di criptovaluta si riferisce al processo computazionale di risoluzione di problemi matematici al fine di proteggere la blockchain ed estrarre i token digitali. Ci sono una quantità limitata di token e più una criptovaluta viene estratta, più difficili diventano quei problemi matematici. Ciò significa che sono necessari computer più sofisticati per alimentare l’attività mineraria. L’attività mineraria è così enorme ora che danneggia anche i giocatori di PC spingendo verso l’alto i prezzi delle schede grafiche, mentre aziende come Samsung stanno ora creando chip progettati solo per l’estrazione di criptovalute.

La legge di Plattsburgh entrerà in vigore dopo essere stata approvata da Read e depositata presso il segretario di stato di New York. I funzionari lavoreranno anche con i residenti e i minatori delle criptovalute locali nei prossimi 18 mesi sui problemi energetici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*