YouTube restringe le regole su quali canali possono essere monetizzati

YouTube sta rafforzando le regole relative al suo programma partner e innalzando i requisiti che un canale / youtuber deve soddisfare per poter monetizzare i video. Con effetto immediato, per richiedere la monetizzazione (e avere annunci collegati ai video), i creator devono aver totalizzato 4.000 ore di tempo di visualizzazione complessivo sul proprio canale negli ultimi 12 mesi e avere almeno 1.000 iscritti. YouTube applicherà la nuova politica di idoneità per tutti i canali esistenti a partire dal 20 febbraio, il che significa che i canali che non riescono a raggiungere la soglia non saranno più in grado di generare entrate dagli annunci.

In precedenza, lo standard per aderire al Programma partner di YouTube era di 10.000 visualizzazioni pubbliche, senza alcun requisito specifico per le ore di visualizzazione annuali. Questo cambiamento renderà sicuramente più difficile per i nuovi canali più piccoli raggiungere la monetizzazione, ma YouTube afferma che è un modo importante di acquistarsi più tempo per vedere chi sta seguendo le linee guida dell’azienda e rimuovere gli account non idonei.

“Siamo arrivati ​​a queste nuove soglie dopo approfondite analisi”, ha annunciato la società in un post sul blog. “Ci permetteranno di migliorare significativamente la nostra capacità di identificare i youtuber che contribuiscono positivamente alla community e contribuire a generare maggiori entrate pubblicitarie per loro (allontanando i youtuber non idonei).” Anche se non lo menziona per nome, YouTube sembra fare riferimento il recente incidente di alto profilo di Logan Paul ha dichiarato: “Questi standard più elevati ci aiuteranno anche a evitare che video potenzialmente inappropriati si traducano in guadagni per tutti”.

La nuova, più severa politica arriva dopo che Logan Paul, uno dei creatori e influencer famosi di YouTube, ha pubblicato un video che mostrava un cadavere nella foresta giapponese di Aokigahara. La scorsa settimana, YouTube ha eliminato Paul dal suo programma di annunci Google Preferred.

Ma questo non è un nuovo problema e gli inserzionisti si lamentano da anni di visualizzare inaspettatamentevideo  inappropriati sulla piattaforma di YouTube. La società ha ripetutamente promesso modifiche per correggere il problema e ne ha già implementate alcune. Questa nuova e più rigorosa struttura di monetizzazione può essere vista come uno dei passi più aggressivi che ha intrapreso finora. Alla fine dello scorso anno, la compagnia si è trovata ad affrontare una serie di video bizzarri, a volte inquietanti, rivolti ai bambini.

Separatamente, YouTube prevede di aumentare la quantità di vetting umano per i video che fanno parte di Google Preferred. Andando avanti, gli inserzionisti che partecipano a Google Preferred non dovranno preoccuparsi di qualcosa come la controversia di Logan Paul, poiché i loro annunci verranno pubblicati solo insieme a video che sono stati verificati conformi alle linee guida di una persona reale. Google Preferred è presentato ai marchi come il modo migliore per mettere i propri annunci in primo piano rispetto a alcuni dei contenuti più famosi e sicuri per il brand di YouTube nei dati demografici principali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*